L’antitaliano

Citazione

giorgio_bocca

Due anni fa, proprio il giorno di Natale, si spegneva all’età di 91 anni uno dei più grandi giornalisti che l’Italia abbia mai conosciuto, Giorgio Bocca. Ex partigiano, ha conservato il suo spirito combattivo per tutto il resto della vita, risultando una delle voci più critiche e influenti del nostro giornalismo. Mi piace ricordarlo con alcune delle sue frasi più celebri.

Il problema numero uno della nazione non è il conflitto fra il legale e l’illegale, fra guardie e ladri, fra capi bastone e le loro vittime inermi, ma il loro indissolubile patto di coesistenza.

Spesso gli italiani dell’Italia onesta vivono nel loro paese come in un paese straniero, cercando di passare inosservati.

La plebe è uno stato di povertà e ignoranza inferiore a quello della povertà.

A volte sento dire che gli italiani sono intelligenti. Ma non è vero! Gli italiani sono poco intelligenti perché stanno distruggendo questo bene che è la libertà e la democrazia

La vera ragione che mi ha spinto a fare il giornalista era capire cosa sono gli uomini. Mi sono convinto che sono dei pazzi. La follia degli uomini è inguaribile. Facendo il giornalista la puoi descrivere, spesso rasenta l’incredibile vedere come si comportano gli uomini, però è disperante vedere che non miglioreranno mai.

– L’antitaliano di quale nazionalità vorrebbe essere? – Dell’Italia buona,dell’Italia partigiana che per una volta è cambiata ed è stata coraggiosa, generosa fedele alla parola data e non furba.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...